Corretta alimentazione e adeguata attività fisica possono rallentare, contenere o addirittura evitare l’evoluzione di malattie verso forme più avanzate. Ne parla la dottoressa Maria Rendina (dirigente medico in Gastroenterologia universitaria del Policlinico di Bari) che sottolinea la necessità di politiche medico-sociali di intervento.