Un premio in ricordo di Sara Anzanello, la pallavolista azzurra scomparsa lo scorso 25 ottobre, verrà assegnato il 31 maggio all’atleta della selezione Fipav Tre.Uno.

Sara Anzanello, giocatrice scesa in campo alle prime armi tra le fila del Volley Salgareda (Treviso), durante la sua carriera sportiva ha potuto vincere quasi tutto con la maglia tricolore e la canotta dei club d’appartenenza.

L’Oro mondiale, le 2 Coppe del mondo, l’Argento europeo sono solo la punta dell’iceberg del curriculum a dir poco strepitoso.

Percorso, purtroppo, interrotto bruscamente il 13 marzo 2013 quando l’atleta viene ricoverata necessitando di un trapianto di fegato urgente a seguito della grave forma d’epatite che l’aveva colpita.

Dalle mura della sua abitazione al podio più alto in assoluto, Sara non ha mai smarrito semplicità e naturalezza. Ma, in particolare, è sempre rimasta nel cuore e nella mente delle tante persone contagiate dalla sua forza. Forza che l’ha portata, negli ultimi giorni, a lasciare una traccia importante, capace di commuovere tutto l’universo pallavolistico attraverso messaggi di speranza ed amore.

Il Consiglio Territoriale Fipav Tre.Uno ha quindi voluto, in accordo con la famiglia Anzanello, istituire il Riconoscimento a memoria di Sara che verrà consegnato ogni anno all’atleta della selezione territoriale – analizzate le valutazione dei tecnici e dei dirigenti della Federazione – distintasi per qualità morali (fair play, forza di volontà, capacità di fare gruppo).

“Il riconoscimento ci è stato accordato dalla famiglia e dal compagno di Sara – dice il Presidente della Fipav Tre.Uno, Michele De Conti – e vogliamo che ogni ragazza della squadra lo comprenda a fondo. Abbiamo scelto di non valutare le capacità tecniche già messe in luce con altri premi, bensì costruire qualcosa che ricordi l’immagine di Sara”.

L’attestato verrà assegnato il prossimo 31 maggio durante la festa delle premiazioni alla presenza dei familiari Anzanello e del compagno della pallavolista scomparsa.

 

(Fonte: gazzetta.it)