Grazie a un accordo tra il Centro nazionale trapianti e Trenitalia, i campioni di materiale biologico da analizzare per il trapianto di organi verranno trasportati dalle Frecce, i treni ad alta velocità della compagnia.

Quando viene effettuato un prelievo, il donatore diventa oggetto di alcune indagini, inclusa la cosiddetta tipizzazione HLA (il profilo immunogenico) e il crossmatch, cioè la compatibilità con i pazienti in lista d’attesa. Ecco perché occorre consegnare alcuni campioni a uno dei 15 laboratori di immunologia della Rete nazionale trapianti.

L’intesa raggiunta prevede che Trenitalia metta a disposizione gratuitamente i propri treni ad alta velocità per far sì che il materiale biologico venga trasportato nel minor tempo possibile. La sala operativa dell’azienda indicherà il primo treno disponibile dove collocare, secondo rigide procedure di sicurezza indicate dal CNT, il contenitore con i campioni conservati e etichettati. La responsabilità sarà del capotreno che, a sua volta, nella stazione di destinazione, lo affiderà al personale sanitario dello specifico laboratorio. Come ha dichiarato il direttore del CNT, Massimo Cardillo, “in un processo di donazione e trapianto il fattore tempo è fondamentale e il trasporto ferroviario offre garanzie di qualità, sicurezza ed efficacia. Siamo grati a Trenitalia per questo supporto prezioso che arricchisce la rete integrata dei trasporti a scopo trapiantologico e rafforza l’impegno del Servizio sanitario nazionale nei confronti dei quasi 9mila pazienti in attesa di un organo”.

“È un orgoglio per Trenitalia e per tutto il Gruppo FS Italiane mettere a disposizione le Frecce per un impegno così nobile come quello del trasporto di materiale biologico per il CNT – ha sottolineato il direttore Divisione Lunga Percorrenza di Trenitalia, Paolo Attanasio – In questi anni l’Alta Velocità dell’azienda ha ridotto le distanze e unito i centri urbani del Paese favorendo gli spostamenti delle persone in treno. Questo accordo accorcerà i tempi di viaggio anche per i campioni biologici che saranno consegnati nel più breve tempo possibile ai laboratori che effettueranno le analisi”.