Una partnership che si rinnova per sostenere e promuovere sempre più la cultura del dono. Anche quest’anno, per la seconda volta di fila, il Centro nazionale trapianti sarà partner di “Lucca Comics & Games”, la fiera internazionale dedicata al fumetto, all’animazione, ai giochi, ai videogiochi e all’immaginario fantasy e fantascientifico, in programma fino a domenica 1° novembre, ma rivisitata in versione online a causa delle restrizioni per contenere i contagi da Covid-19.

Comunità, inclusione, innovazione, rispetto e gratitudine sono i valori condivisi della manifestazione e dello stesso Cnt che, già nella passata edizione, riscosse successo con la mostra Becoming Human: Be a Hero. Donatori: straordinariamente umani, semplicemente eroi. Il progetto di quest’anno, invece, si intitola Donatori di ruolo. Il tema della donazione e del trapianto verrà raccontato con il linguaggio moderno e immersivo di un “gioco di ruolo”, appunto, esperienza che appassiona milioni di giovani e giovanissimi in tutto il mondo. Lucca Changes, in collaborazione con il Cnt, ha coinvolto il game designer Michael “Mike” Alyn Pondsmith, creatore del celebre gioco Cyberpunk, che ha sposato la causa e lanciato l’idea per un’avventura inedita dedicata al cambiamento scritta da Nicola Degobbis, master, influencer del settore e editore italiano di Cyberpunk.

“Cyberpunk” – ambientazione distopica dove gli esseri umani sono ossessionati dal potere, dalla moda e dalle modifiche cibernetiche – sarà il luogo fantastico e virtuale nel quale coinvolgere i giovani giocatori, stimolare il dialogo e aumentare la consapevolezza di quanto sia importante la donazione di organi, tessuti e cellule. Grazie al gioco di ruolo e al suo metodo immersivo di partecipazione che stimola immedesimazione ed empatia, i giocatori potranno vivere sulla propria pelle che cosa significa avere bisogno di un organo vitale e l’importanza che il trapianto ha nel salvare o migliorare la vita di una persona. Se in un futuro distopico le meccaniche potranno sostituire ogni parte del corpo umano, come già avviene dentro Cyberpunk, nella realtà non è così: è solo grazie ad un gesto altruistico che ci si può curare. Usciti dall’avventura proposta, giocatori e master avranno una visione e una consapevolezza diverse di questo importante tema sociale che ci riguarda tutti, nessuno escluso.

“Siamo contenti di aver rinnovato questa partnership perché a Lucca ci sentiamo a casa – ha dichiarato Massimo Cardillo, direttore del Centro nazionale trapianti – La cultura della donazione ha tanto in comune con lo spirito aperto, inclusivo e generoso che anima questa community. Grazie agli amici di LC&G siamo pronti a incontrare ancora migliaia di ragazze e ragazzi, di giovani e meno giovani, per raccontare quanto sia importante scegliere di diventare donatori, un piccolo gesto semplice e gratuito che però contribuisce a cambiare il mondo perché è capace di regalare la vita a chi la sta perdendo”.