Un intervento di 12 ore le ha letteralmente salvato la vita. Protagonista della storia, è stata una donna di 65 anni residente a Napoli che, a seguito di un’epatite fulminante, si è sottoposta a un trapianto di fegato nell’ospedale Cardarelli.

Una vera e propria corsa contro il tempo, quella che quattro equipe di sanitari sono riuscite a portare a termine con successo. La donna, che già in passato aveva subito un trapianto di midollo osseo, si era presentata nella struttura ospedaliera in codice rosso, con l’unica possibilità di sottoporsi a un trapianto di fegato per salvare la propria vita. L’organo è stato prelevato al San Carlo Borromeo di Milano, prima di essere poi trapiantato sulla donna al termine di un’operazione di circa 12 ore.

Come ha spiegato a Il Mattino il direttore generale del Cardarelli, Giuseppe Longo, “l’intervento chirurgico di trapianto di fegato in una donna già sottoposta a trapianto di midollo, assume per l’azienda un significato di grande valore. È un esempio non solo di efficienza organizzativa e competenza professionale, ma anche di un innovativo modello che a breve sarà implementato in tutta l’azienda ospedaliera, riguardante cioè la realizzazione delle unità operative multidisciplinari in cui diversi professionisti integrano le rispettive competenze per risolvere problemi clinici”.

GUARDA la video intervista alla dottoressa Stefania Petruccelli

LEGGI la notizia della “maratona” all’ospedale Niguarda

LEGGI la notizia sul 2019 da record per la Puglia