L’Asl Napoli 3 Sud, il Presidio Ospedaliero Castellammare di Stabia (Stabilimento di Gragnano) – U.O.C. Medicina Interna e Geriatria e l’Unità Operativa di Epatologia ed Ecointerventistica – Scuola di Ecografia Clinica, promuovono ed organizzano la X Riunione Stabiese di Epatologia (Convegno nazionale) dal titolo: “Le nuove sfide in epatologia”.

L’incontro si svolgerà venerdì 26 e sabato 27 ottobre all’Hotel degli Ulivi di Gragnano.

Per informazioni: 081.5352835-27 – c.coppola@aslnapoli3sud.it

L’Epatite C rappresenta ancora – scrive il professor Carmine Coppola nell’introduzione al convegno – un problema sanitario prioritario a livello nazionale, sebbene una stima precisa del numero di persone infette in Italia non sia disponibile per la carenza di studi epidemiologici rigorosi. È ben documentato, invece, un gradiente di prevalenza nord-sud che colloca l’Italia meridionale tra le aree a più elevata prevalenza in Europa e la regione Campania al primo posto per numero d’infetti! L’Epatite cronica C, se non trattata, può evolvere in cirrosi, con le complicanze tardive della malattia, quali scompenso ascitico, encefalopatia epatica, carcinoma epatocellulare ed emorragia digestiva da rottura di varici esofagee… L’introduzione nella pratica clinica dei nuovi farmaci antivirali ad azione diretta (DAA) che consentono con altissima probabilità la definitiva eradicazione del virus, ha profondamente modificato l’approccio ai pazienti con Epatite C anche per il trattamento delle forme più avanzate di malattia con un ottimo profilo di tollerabilità… Una sessione del convegno, come nelle precedenti edizioni, è dedicata alle malattie metaboliche – NAFLD e NASH – che sono la sfida per l’epatologia del futuro, che è già presente”.

 

Il programma dell’incontro